Connect with us

Bíblia LND-1991

Jeremias 27

1 All’inizio del regno di Jehoiakim, figlio di Giosia, re di Giuda, questa parola fu rivolta dall’Eterno a Geremia, dicendo:

2 »Cosí mi ha detto l’Eterno: Fatti dei legami e dei gioghi e mettili sul tuo collo;

3 poi mandali al re di Edom, al re di Moab, al re dei figli di Ammon, al re di Tiro e al re di Sidone, per mezzo degli ambasciatori che sono venuti a Gerusalemme da Sedekia, re di Giuda;

4 e comanda loro che dicano ai loro signori: »Cosí dice l’Eterno degli eserciti, il DIO d’Israele: Cosí direte ai vostri signori:

5 Io ho fatto la terra, gli uomini e gli animali che sono sulla faccia della terra, con la mia grande potenza e col mio braccio steso, e la do a chi sembra bene ai miei occhi.

6 E ora ho dato tutti questi paesi in mano di Nebukadnetsar, re di Babilonia, mio servo; a lui ho pure dato le bestie della campagna perché lo servano.

7 Cosí tutte le nazioni serviranno a lui, a suo figlio e al figlio di suo figlio, finché verrà il tempo anche per il suo paese; allora molte nazioni e re potenti lo ridurranno in servitú

8 E avverrà che la nazione o il regno che non vorrà servire a lui, a Nebukadnetsar re di Babilonia, e non vorrà porre il suo collo sotto il giogo del re di Babilonia, quella nazione io la punirò, dice l’Eterno, »con la spada, con la fame e con la peste, finché non li abbia sterminati per mano sua.

9 Perciò non ascoltate i vostri profeti né i vostri indovini né i vostri sognatori né i vostri maghi né i vostri stregoni che vi dicono: »Non sarete asserviti al re di Babilonia!«.

10 Sí, essi vi profetizzano menzogna, per allontanarvi dal vostro paese, perché io vi disperda e voi periate.

11 Ma la nazione che porrà il suo collo sotto il giogo del re di Babilonia e lo servirà, io la lascerò stare nel suo paese«, dice l’Eterno, »ed essa lo coltiverà e vi dimorerà«.

12 Io parlai dunque a Sedekia, re di Giuda, in conformità a tutte queste parole e dissi: »Piegate il vostro collo sotto il giogo del re di Babilonia, servite lui e il suo popolo e vivrete.

13 Perché tu e il tuo popolo vorreste morire di spada, di fame e di peste, come l’Eterno ha parlato contro la nazione che non vuole servire il re di Babilonia?

14 Perciò non date ascolto alle parole dei profeti che vi dicono: »Non servirete il re di Babilonia« perché vi profetizzano menzogna«.

15 »Poiché io non li ho mandati«, dice l’Eterno, »ma profetizzano menzogna nel mio nome, perché io vi disperda e voi periate, voi e i profeti che vi profetizzano«.

16 Parlai pure ai sacerdoti e a tutto questo popolo, dicendo: »Cosí dice l’Eterno: Non date ascolto alle parole dei vostri profeti che vi profetizzano dicendo: »Ecco, ora gli arredi della casa dell’Eterno saranno presto riportati da Babilonia« perché vi profetizzano menzogna.

17 Non date loro ascolto! Servite il re di Babilonia e vivrete. Perché questa città dovrebbe essere ridotta a una desolazione?

18 Se sono profeti e se la parola dell’Eterno è con loro, intercedano ora presso l’Eterno degli eserciti, perché gli arredi che sono rimasti nella casa dell’Eterno, nella casa del re di Giuda e in Gerusalemme, non vadano a Babilonia«.

19 Cosí dice l’Eterno degli eserciti riguardo alle colonne, al mare, ai carrelli e al resto degli arredi rimasti in questa città.

20 che Nebukadnetsar, re di Babilonia, non prese, quando deportò Jekoniah figlio di Jehoiakim, re di Giuda, da Gerusalemme a Babilonia assieme a tutti i nobili di Giuda e di Gerusalemme;

21 sí, cosí dice l’Eterno degli eserciti, il DIO d’Israele, riguardo agli arredi che rimangono nella casa dell’Eterno, nella casa del re di Giuda e in Gerusalemme:

22 »Saranno portati a Babilonia e la resteranno, finché io li cercherò«, dice l’Eterno, »e li farò risalire e li riporterò in questo luogo«.

Continuar Lendo